Come Egeo costretto in ariballo

e liburne in irridente àlea, tabe

di viéte contese, trame vissute,

simulacri di indarno agone,

così artieri crocidano in coro,

trissottini dileggiano Erato.

Della skena re-citanti vanesi,

anelano immeritati clamori.

mercoledì 12 agosto 2015

Senilità

                                             La muffa del tempo
                                             ha ormai invaso i ricordi.
                                             Neri licheni avviluppano gli anni
                                             e vago rimane un rancore, sopito.
                                             Lento scivola un gozzo,
                                             spinto a fatica
                                             nella palude del giorno.

Nessun commento:

Posta un commento